No comments yet

Benicchio su Ducry: “Ha chiuso la porta in faccia al PLR e noi gliela riapriamo! La gente vuole chiarezza”

L’ex presidente distrettuale del PLR e oggi membro della direttiva cantonale, non ha dubbi: lui Ducry non l’avrebbe messo in lista

LUGANO – “La candidatura di Jacques Ducry per il Consiglio comunale di Lugano disorienta l’elettorato liberale-radicale”. Valentino Benicchio, dal 2008 al 2017 presidente distrettuale del PLR e oggi membro della direttiva cantonale, non ha dubbi: lui Ducry non l’avrebbe messo in lista.

“Secondo me – dice a liberatv – la ‘commissione cerca’ del partito presieduta da Rocco Olgiati sta facendo un buon lavoro per cercare di tamponare l’emorragia di voti di cui soffriamo da tempo. E lo sta facendo tenendo in considerazione le esigenze delle due anime del partito. Tuttavia…”.

Tuttavia, aggiunge Benicchio, “a mio avviso si sottovaluta il messaggio che i nostri elettori hanno espresso alle recenti elezioni federali, e mi riferisco in particolare alla perdita del seggio agli Stati. Ora, se per rilanciare il PLR a Lugano si ripropone addirittura Ducry in Consiglio comunale significa che non si è capito quel messaggio. A differenza di Fulvio Pelli, che si è sempre adoperato per il Partito, Ducry al Partito ha chiuso la porta in faccia. Adesso vuole rientrare dalla finestra come indipendente sulla lista del PLR. E noi che facciamo? Gli apriamo addirittura la porta: prego si accomodi…”.

Attenzione, prosegue, “qui non c’entra nulla l’essere liberale o radicale… Io credo semplicemente che occorrano persone che rappresentino il Partito in maniera chiara e coerente. La gente vuole chiarezza, come ha detto lo stesso Fulvio Pelli. E non possiamo rischiare di perdere altri consensi mettendo in lista un candidato, che pure è un amico e al quale riconosco passione e intelligenza, che è uscito dal Partito per militare in un’altra forza politica ed è stato eletto in Gran Consiglio e in Consiglio comunale sulla lista socialista. Come indipendente, va bene, ma sappiamo che la storia dell’indipendenza è spesso una foglia di fico. Per me è una questione di valori e di principi: il PLR deve aveve una linea chiara e oggi dimostra ancora una volta di non averla”.

In direttiva cantonale, dice ancora Benicchio, “mi ero espresso anche contro la congiunzione con il PPD, perché secondo me i valori vengono prima di tutto. E comunque, visto che la congiunzione è stata approvata dagli organi del Partito, a quel punto bisognava trovare un candidato forte, emergente, come per esempio Alex Farinelli, che ha dimostrato il suo valore elettorale sia alle cantonali sia alle federali”.

E sulla candidatura di Fabio Schnellmann nella lista per il Municipio, aggiunge: “Apprezzo la sua disponibilità per aiutare il Partito ma avrei preferito che continuasse a fare il funzionario comunale al servizio dei cittadini”.

 

credit@Liberatv.ch: intervista a Valentino benicchio>>

Post a comment

*

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi